Riflessioni

Educazione finanziaria all’Università Popolare di Torino

Scritto il 14/10/2016 | Categorie : Riflessioni | 0 Commenti

a

Brutti come il debito – nel nuovo anno accademico che si apre – è il corso di educazione a un uso consapevole del denaro ma è anche uno sguardo rivolto all’attualità dell’economia e della finanza che ci riguardano come famiglie, come cittadini, come contribuenti, come imprese.

Io sono Antonio Cajelli, il vostro professore, e vi accompagnerò in questo viaggio, in cui apprenderete logiche e strumenti da usare nella quotidianità ma anche qualche ‘segreto’ o ‘malizia’ (o semplicemente qualche buona regola) da trasmettere a chi vi sta vicino.

L’uso del denaro non è mai un momento ‘neutro’ ma un è un fatto emotivamente significativo. E questo lo abbiamo capito bene nell’anno passato sia con le attività ‘pratiche’ proposte in aula per gestire i nostri soldi sia seguendo le vicende finanziarie che hanno infiammato le cronache e che hanno animato tra i partecipanti e con gli ospiti il dibattito e un confronto talvolta appassionato.

Cerchiamo di capire le sfide economiche e sociali che ci aspettano nella loro portata e, soprattutto, capiamo quali scelte consapevoli fare. Lo ricordo sempre: nel nostro campo ‘consapevolezza’ significa che quando usiamo il denaro scegliamo un tipo di economia e quindi un tipo di mondo, il mondo in cui crediamo. Libertà di scelta, sempre, ma un po’ più consapevole.

Il consenso che il corso ha ricevuto nell’anno passato mi ha invogliato a sviluppare un percorso nuovo di riflessione sull’attualità  sociale, economica e finanziaria lette da una prospettiva comprensibile, libera e indipendente, e che fornisca abilità e momenti di riflessione sul nostro agire quotidiano.

Buon anno accademico insieme a tutti voi.

Scritto il 14/10/2016 | Categorie : Riflessioni | 0 Commenti

Scrivi un commento