Il diario finanziario

La prima vera azione da fare per iniziare a risparmiare è capire come spendiamo i nostri soldi. Il diario finanziario ci può aiutare a capirlo.

  1. Segnate quotidianamente tutte le spese che fate, senza inibirvi e senza correggere il vostro comportamento abituale. Ricordate di non tralasciare proprio nulla. Per fare prima potete comprare un taccuino. I più tecnologici potranno scrivere nelle note sul telefonino o usare qualche applicazione dedicata.
  2. Dopo qualche giorno che avete  preso l’abitudine a scrivere, sarebbe meglio cominciare a dividere le spese per categorie (telefono, macchina, spese straordinarie, spesa per mangiare ecc.). Da un primissimo esame di quanto avete speso quella settimana rispetto alla settimana precedente, inizierete a fare alcune riflessioni. Ma non fermatevi qua. Il meglio deve venire.
  3. Il passaggio successivo è quello di accorpare le categorie secondo tre famiglie:
  • spese fisse e ripetibili: sono necessarie e, in questa prima fase, non si possono ridurre (affitto, mutuo, assicurazione, spese condominiali ecc.)
  • spese riducibili: sono spese necessarie che però potremmo immaginare di ridurre cercando soluzioni alternative (abbigliamento, alimentari, spese telefoniche ecc.)
  • spese extra: sono quelle che siamo già consapevoli di poter ridurre o eliminare.

Il diario finanziario ci permette di dare uno sguardo complessivo al nostro modo di spendere i soldi. Il traguardo, per adesso, non è quello di non fare certe spese ma di pensare a cosa è fondamentale e su cosa possiamo agire direttamente. Da qui in avanti risparmiare diventa qualcosa che dipende dalla nostra volontà.

Qualcuno potrebbe fermarsi qua e tagliare alcune spese extra. Ma non basta per cambiare il nostro modo di spendere i soldi.