Le carte prepagate

Con le carte prepagate si possono effettuare pagamenti perché, prima di usarla per pagare una spesa qualsiasi, chi le possiede vi ha già provveduto a versare una somma di denaro.
Quindi non serve che la banca faccia indagini sulla solvibilità né è necessario, di norma, essere anche proprietari di un conto corrente presso la stessa banca.
La somma che avete fatto accreditare sulla carta prepagata può essere usata per pagare molti beni o servizi. In alcuni casi si tratta di carte date per pagare beni della stessa società che rilascia le carte (ad esempio i pedaggi autostradali o i servizi di telefonia) oppure per pagare tutti i principali esercenti (queste carte si chiamano “multiuso” o “borsellini elettronici” e vengono usate anche per pagare beni acquistati via internet).
Prima di scegliere di usare una di queste carte, però, occorre che riflettiate bene su alcuni aspetti che le caratterizzano:

  • non tutti gli esercenti le accettano
  • alcune carte prepagate hanno dei costi (non sempre bassi) per accreditare le somme di volta in volta
  • chi sceglie queste carte a volte non può dilazionare la spesa (cosa che potrebbe fare con una carta di credito normale

Pagare con le carte prepagate è più sicuro che pagare con una carta di credito normale perché nella peggiore delle ipotesi in cui qualcuno riesca a rubarvela, la somma che al massimo potrà spendere è pari alla somma accreditata sulla carta stessa.